Home » IL METODO

IL METODO

STAGE MGA AGGIORNAMENTO LOMBARDIA 2015

STAGE MGA AGGIORNAMENTO LOMBARDIA 2015 - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

 

 

* * * LE BASI DI UN METODO DI AUTODIFESA * * *

* * * LE BASI DI UN METODO DI AUTODIFESA * * * - MGA FIJLKAM LOMBARDIA
L'ESPERTO DI AUTODIFESA "
VALUTA L'ATTACCO COME PRIMA OPZIONE MA LO TIENE COME ULTIMA SCELTA?

UN BUON METODO DI AUTODIFESA DOVREBBE ESSERE COMPOSTO DA ALCUNI PRINCIPI 
LOGICI  BASANDOSI SOPRATTUTTO SULLA PREVENZIONE, CONOSCENZA DELLE
POTENZIALITA' FISICHE DEL CORPO UMANO ED ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLA 
BIOMECCANICA DEL CORPO UMANO, AGGIUNGENDO DELLE TECNICHE PER  AMPLIARNE E FACILITARNE L'EFFICACIA NELL’APPLICAZIONE.
 
I 5  PRINCIPI CHE COMPONGONO UN BUON METODO DI AUTODIFESA 
 
 
1 ) PARTE VISIVA
       La parte visiva mi permettere di individuare e riflettere le problematiche della situazione
       in cui mi trovo, la mia posizione rispetto ad una eventuale aggressione, sia verso la mia
       persona o ad altre persone, quale pericolo può incorrere la mia presenza in quel momento,
       che possibilità ho di evitarlo, in base a cosa posso modificare e quantificare il livello di
       pericolo, come posso e in che modo posso difendermi o difendere, da chi o da che cosa.
 
2 ) PARTE SENSORIALE
       La nostra superficie cutanea è un insieme di recettori, oserei dire un unico sensore, oltre
       che permettere di percepire le informazioni che provengono dall’ambiente, percepisce
       come nel caso della difesa personale se qualcuno mi tocca o esercita una pressione sul
       mio corpo, questo fattore è molto importante perché va oltre la parte visiva, mi dà la
       possibilità di percepire dove e come mi toccano senza bisogno di vedere, nello stesso
       momento mi dà la possibilità di reagire in modo efficace e istintivo, agendo con rapidità
      anche in ambienti bui.
 
3 ) EQUILIBRIO
      L’equilibrio del corpo umano ci permette di muoverci in posizione eretta, sono due i
      Principali sistemi di equilibrio, essi informano su movimento e posizione della testa,
      tronco, e pressione plantare in rapporto alla verticale gravità, uno percepisce le
      accelerazioni angolari per contro interviene sull’equilibrio dinamico e non interferisce
      sul tono muscolare, l’altro percepisce le accelerazioni lineari e agisce sulla regolazione
      posturale e sul tono muscolare, queste informazioni comparate alle informazioni
      propriocettive ci permettono di conoscere la posizione del nostro corpo, in qualsiasi
      momento, pertanto è molto importante in caso di aggressione sfruttare lo spostamento
      in senso angolare o rotatorio e non lineare.
 
4 ) PARTE MECCANICA E DINAMICA
     Il corpo umano per mezzo di tendini e gruppi muscolari, tramite le articolazione e le leve
     può spostarsi e muoversi in diverse direzioni, modulando sia la velocità che la forza
     ( potenza ) , dovendoci muovere per vivere, in base al nostro tenore di vita effettuiamo dei
     movimenti, alcuni in modo molto ripetitivo, altri poco ripetitivo, soprattutto con gli arti
     superiori braccia e mani, questo ci permette di meccanizzare e memorizzare dei movimenti
     che si possono definire quasi automatici e involontari, in caso di aggressione le gambe, le
     braccia e soprattutto le mani usate come pinze afferrano, impugnano o colpiscono, usate
     sia dall’aggressore che dall’aggredito, pertanto sapere come usarle è molto importante
     più di un’arma stessa.
 
5 ) DOLORE
     Il corpo umano tramite un sistema di recettori trasforma il dolore in diversi stadi, se il
    dolore è lieve, la risposta sarà solo di sofferenza con poca reazione neuromuscolare, se
     il dolore è forte ma poco diffuso, la risposta sarà di reazione neuromuscolare intensa e
    di blocco momentaneo muscolare diffuso, con una riduzione di movimento significativo,
    se il dolore è forte e diffuso con lacerazione sopraggiunge la perdita di coscienza o la morte.
     In caso di difesa da un’ aggressione è importante conoscere i punti cruciali e la tecnica del
     provocare dolore, senza oltrepassare i limiti in base alla proporzionalità dell’evento.
 
    Conoscere la macchina umana vuol dire capire come si muove quali sono le potenzialità e
     i suoi limiti;  i tre recettori universalmente riconosciuti (  l'orecchio interno , l'occhio vista, e la
    superficie cutanea ) con la biomeccanica e il dolore, compongono un insieme di capacità
    straordinarie, modificandole e ampliandole con tecniche di difesa, studiate appositamente
    per condizionare la fase di aggressione, ci permettono di sfruttare a nostro favore
    il movimento aggressivo di presa o di percussione dell’aggressore.
 
    L’apprendimento e lo sviluppo di queste tecniche sono di facile assimilazione e molto
    pratiche anche con soggetti poco allenati perche ripercorrono gesti e movimenti comuni
   della vita quotidiana , se si scompone il corpo umano, la testa, due gambe,due braccia
    e le mani  possono essere utilizzate per colpire in varie direzioni, le mani con duplice
    funzione oltre che ha colpire vengono utilizzate come pinze che possono afferrare con
    modulazione di forza e intensità, con l'apprendimento di pochi schemi si possono fare
    tantissime applicazioni e direzioni.
 
 
   Queste sono le mie considerazioni nell’applicazione di un metodo di autodifesa che ha delle
    basi logiche, senza la presunzione di diffondere idee di invincibilità, ma la consapevolezza
   che in base ad un’analisi personale; chi sono, quali rischi posso incontrare in base al mio
    tenore di vita, quale prevenzione devo adottare per ridurli, se sono o posso essere un
   soggetto a rischio come mi devo preparare per poter affrontare una possibile aggressione.
   Per quanto sopra descritto ritengo che l’autodifesa si possa dividere in tre fasi .
 
 
 
                                       PREVENZIONE - AGGRESSIONE - DIFESA
 
   Rispettando la prima fase possiamo dire di aver risolto al 90% il problema.
  
                                     Quindi …. È meglio giocare d’anticipo
 
  
     M° Giuliano Invernizzi 

SITO FEDERAZIONE

SITO FEDERAZIONE - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

MGA FIJLKAM LOMBARDIA

MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. JUDO LOMBARDIA

CR. JUDO LOMBARDIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. KARATE LOMBARDIA

CR. KARATE LOMBARDIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. VENETO

CR.  VENETO - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. EMILIA ROMAGNA

CR.  EMILIA ROMAGNA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. MARCHE

CR.  MARCHE - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. LAZIO

CR.  LAZIO - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR.KARATE PIEMONTE

CR.KARATE PIEMONTE - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR.JUDO PIEMONTE

CR.JUDO PIEMONTE - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR. TOSCANA

CR. TOSCANA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR.LIGURIA

CR.LIGURIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR PUGLIA

CR  PUGLIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR SICILIA

CR SICILIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR CALABRIA

CR  CALABRIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA

CR CAMPANIA

CR CAMPANIA - MGA FIJLKAM LOMBARDIA